IMG_2707

Gnam Gnam! Che bontà con quell'odorino di pasta lievitata e quella sofficità indescrivibile...purtroppo non l'ho mai trovato nelle nostre pasticcerie e panetterie, è più che altro un pane da colazione francese (non per inneggiare sempre i nostri cugini d'oltralpe...ma in questo ambito ci sta).
Ci sono, come sempre varie versioni di questa brioche e vari formati, quelle individuali si chiamano in genere "brioche à tete" proprio a causa della base a palla grande sormontata da una pallina della stessa pasta di dimensioni ridotte. E poi si può trovare nella versione in cassetta.

 

Da preparare il giorno prima
Ingredienti:
Fare una biga impastando
95 gr latte
100 gr farina forte
25 gr lievito

Lasciar triplicare del triplo a 28° (rileggendo mi sono accorta che è un'errore, ma mi fa così ridere che non ho voglia di correggerlo!)

500 gr farina sfoglia
425 gr burro tradizionale freddissimo
5 gr malto (facoltativo)
300 gr uovaù
10 gr sale

 

Impastare con il gancio o al mixer (con lo strumento senza lama) tutti gli ingredienti tranne il burro. Spezzettarlo ed unirlo alla fine, far girare finché il tutto non diventa omogeneo. Riporre una notte in frigo. Il giorno successivo tagliare l'impasto e dargli la forma desiderata, mettere negli stampi. Lasciar lievitare tre ore a 30° spennellare la superficie con uovo sbattuto. Accendere il forno a 200° ed infornare per 30 minuti abbondanti. Si può conservare avvolto da una pellicola o surgelare.
E' ottimo non solo da solo o accompagnato da marmellata, ma anche con affettati e formaggi. Si sposa molto bene col prosciutto crudo o con le tartare di carne o pesce.

IMG_2708